La Coffa Siciliana, la sua storia, i materiali e le sue decorazioni
Tradizioni Siciliane

La Coffa Siciliana, la sua storia, i materiali e le sue decorazioni

Coffa Siciliana

La coffa Siciliana è diventata oggi un’icona della tradizione della Sicilia nel mondo. La storia delle sue origini è legata alla terra.

Cercherò di parlarvi della coffa siciliana, di come un oggetto semplice è diventato un accessorio molte volte di lusso.

Come tutti i simboli della Sicilia questo particolare manufatto proviene da un’antica tradizione e una lavorazione artigiana.

Proprio la lavorazione artigianale ha fatto si che questo prodotto tipico diventasse una borsa da passarella.

Storia della Coffa Siciliana

L’origine della coffa Siciliana è molto lontana da quello che si può pensare.

Questo articolo affonda le sue origini nella storia della Sicilia risalendo fino alla dominazione araba che è stata, molto probabilmente, la madre di questa tradizione. 

Gli arabi portarono con sé la tecnica di intrecciare le fibre vegetali per realizzare contenitori utili e resistenti.

Il nome “coffa ” deriva quasi certamente dalla parola araba “quffa” che vuol dire cesta.

La sua origine è legata, come già accennato, alla terra. Questo contenitore era usato per il trasporto di cibo e come mangiatoia per cavalli e asini che sono stati i “motori” della vita agricola nell’isola.

L’attività agricola ha fatto prosperare la Sicilia e l’ha resa famosa. Questo rende gli oggetti di tradizione agricola quelli più affascinanti tra le icone dell’isola.

La coffa siciliana è uno dei migliori esempi artigianali provenienti dalla terra e che col passare degli anni ha trovato il suo spazio tra gli oggetti che maggiormente richiamano alla nostra terra.

La sua realizzazione avviene utilizzando le foglie di palma nana siciliana (chiamata in dialetto “giummara” e “troffa di curina”  ).

Queste foglie, dopo essere state essiccate, vengono intrecciate con maestria dando vita a questo contenitore. Con il passare del tempo la semplice cesta è stata sempre più decorata, facendo si che questa diventasse un prodotto ricercato e particolare. 

Questa antica opera fatta a mano ha trovato oggi il suo posto anche nel mondo della moda.

La palma nana Siciliana

Materia prima nella lavorazione artigiana di questa icona è appunto la palma nana.

Questa pianta nasce e si sviluppa spontaneamente nell’area mediterranea, soprattutto in terreni rocciosi.

La pianta (“giummara” in dialetto) è presente nell’isola ben prima della presenza umana. Si stima infatti che questa pianta sia già qui da più di 50 milioni di anni.

Questa pianta è famosa per la sua resistenza e per la capacità di sopravvivere a situazioni climatiche e a terreni non sempre idilliaci.

Come tutte le risorse presenti in abbondanza sull’isola anche questa ha trovato ben presto uno scopo nella vita di tutti i giorni dei Siciliani. Da molti secoli le foglie di questa pianta sono usate con scopi diversi. 

Le più grandi (“giummi”) vennero tradizionalmente utilizzate per produrre oggetti come le scope. Le foglie più piccole (non per questo meno resistenti) chiamate “curina” vengono invece utilizzate per creare intrecci che possono dare vita a differenti oggetti tra i quali le coffe.

La lavorazione di queste foglie è una tradizione che viene tramandata da padre in figlio ed è considerata iconica nella tradizione Siciliana.

Negli ultimi anni, a causa dell’espansione dei terreni agricoli con le relative bonifiche, questa pianta è a rischio di scomparsa. Proprio a causa di questo è stata dichiarata pianta protetta.

Le Coffe Siciliane, Dimensioni e Decorazioni

Questo contenitore, con il passare del tempo, è passato da essere solo uno strumento da lavoro a essere considerato un accessorio moda

Anche se non c’è una fonte certa penso che la sua storia è stata influenzata dal suo parente più prossimo “il carretto siciliano“. Questo perché originariamente la funzione principale della coffa siciliana era quella di fare da mangiatoia “portatile” per cavalli e animali da soma in generale. Questo ha fatto si che il collegamento con il carretto sia diretto.

Penso che questa affinità sia stata la principale causa dell’iniziativa di decorare questo cesto in maniera affine a quella che è tradizionalmente la decorazione dei carretti.

Le misure variano molto ed è difficile dare indicazioni precise. Mediamente vanno dai 30 ai 50 cm sia per la larghezza sia per l’altezza.

Tra le decorazioni che principalmente incontriamo ci sono: Ottone, velluto, pizzo, bigiotteria, specchietti, frange, pon pon, pelliccia, passamaneria, ceramiche e decori dipinti a mano su pelle.

Il manico può essere in diversi materiali.

Le decorazioni sono in linea con l’arte decorativa che nasce dai carretti, motivi, colori e stile che richiamano la nostra isola.

Tutto questo ha fatto si che questa borsa, che è stato per secoli di uso “popolare”, abbia trovato il suo posto nella mondo degli accessori e nell’interpretazione di vari artigiani e designer. Questo contenitore, in base ovviamente alla mano che lo crea ed ai materiali utilizzati, può essere considerato di lusso.

Penso che andando indietro nel tempo, gli abitanti dell’isola nel passato non riuscirebbero mai a credere che la coffa, per loro di uso quotidiano e lavorativo, possa raggiungere oggi prezzi altissimi.

E’ ovvio che per i turisti acquistare una coffa siciliana prodotta sapientemente con materiali pregiati possa permettere di portare con loro un pezzo di quest’isola e delle sue tradizioni.

Da Tradizione agricola ad accessorio di moda unico

coffa siciliana

La coffa siciliana risveglia nella mente dei Turisti e del mondo la Sicilia. La rappresenta nei suoi colori e nelle sue tradizioni. 

Grazie ad un minuzioso lavoro di mano artigiane spiccatamente artistico, per l’uso di decorazioni sempre più ricercate, questa icona  Sicula si è facilmente prestata alle passarelle.

Importante ruolo nel far conoscere ed apprezzare questa borsa è stato dato, tra gli anni 50-70 del secolo passato, dalle bellissime dive del cinema Italiano: Sophia Loren, Claudia Cardinale e Gina Lollobrigida. Queste artiste sfoggiavano spesso questa borsa contribuendo in maniera cruciale a farla conoscere in tutto il mondo.

Il grande pubblico penserà subito a Dolce e Gabbana ma la verità è che ci sono tantissimi artigiani Siciliani che hanno interpretato in maniera unica questo accessorio.

Quello che voglio consigliare a chi intende acquistare una di queste borse e di scegliere bene e comprare Coffe artigianali fatte a regola d’arte e stare attenti alle tantissime imitazioni. Controllate bene la chiusura e la fodera interna in tessuto.

Conclusioni

La coffa siciliana è un accessorio che racconta una storia di tradizione, di innovazione e artigianato.

È un pezzo unico che esprime la personalità e il gusto di chi decide di indossarla. 

Se vuoi aggiungere un tocco di originalità e di eleganza al tuo look, scegli una coffa siciliana!

Vuoi una Coffa Artigianale prodotta secondo tradizione? Contattaci possiamo metterti in contatto con i migliori Artigiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unisciti alla Nostra Comunità di Amanti della Sicilia! 🌞🍇

Iscriviti alla Nostra Newsletter!

Entra a far parte della nostra comunità e ricevi:

  • Storie Esclusive sulla ricca storia e le tradizioni siciliane.
  • Guide di Viaggio per scoprire luoghi nascosti e percorsi unici.
  • Consigli Culturali per immergerti nelle autentiche tradizioni siciliane.
  • Aggiornamenti Sugli Eventi in Sicilia per vivere appieno l’isola in ogni stagione.
  • Offerte Esclusive su prodotti tipici siciliani e sugli eventi, per portare un pezzo di Sicilia nella tua vita.